Distanza della sede comunale da Portoferraio: 27 km.
Principali centri abitati: Marciana, Poggio, Procchio, S.Andrea, Patresi, Chiessi, Pomonte.
Spiagge: Procchio, Spartaia, La Paolina, Cotoncello, S.Andrea, Patresi, Campo Lo Feno, Punta Nera, Chiessi, Pomonte.

Il suo territorio comunale interessa la porzione dell’Elba Nord occidentale occupando una vasta porzione del massiccio del Capanne e la sommità della montagna.

È uno dei centri storici dell’Elba e vanta origini molto antiche. Si dice infatti che sia stato fondato dai romani nel 35 a.C. e i  toponimo deriverebbe dai nome latino Marcius o Marcianus.

Nella zona è segnalata anche una precedente presenza etrusca, in seguito al ritrovamento d’antichi frammenti ceramici. La remota tradizione insediativa è spiegabile con la strategica posizione del crinale su cui insiste il nucleo abitato, dominante sul mare e sul territorio circostante. Non meno importante per la nascita di un antico villaggio deve essere stata l’abbondante presenza d’acqua e la ricchezza di boschi e legname, che permetteva la produzione del carbone per la lavorazione del ferro.

Il paese ebbe una particolare importanza al tempo della dominazione pisana sull’Elba, a cui risalirebbe l’originale struttura quadrangolare della Fortezza. Il centro vide un ulteriore sviluppo sotto il principato dell’Elba e di Piombino retto dai Principi Appiani.

L’economia locale era basata allora sull’agricoltura, con la coltivazione della vite per la produzione del vino, costituendo la voce principale dell’attività agraria, affiancata dalla pastorizia e dalla coltivazione del castagno con i suoi prodotti quali legname, marroni e farina di castagne. Altra risorsa era rappresentata dai boschi di leccio, erica e corbezzolo, dai quali si otteneva carbone di legna, impiegato dai numerosi fabbri addetti alla lavorazione e trasformazione del ferro estratto nell’Elba orientale. A ricordo dell’industria metallurgica abbiamo ancora lo stemma comunale che riporta, su un campo azzurro, un’incudine sormontata da due martelli.

Queste saranno le attività prevalenti dei Marcianesi per molto tempo, praticamente fino al XX secolo, alla fine del secondo conflitto mondiale, quando lo sviluppo dei mezzi di trasporto e della viabilità stradale modificheranno i modi di vita e l’economia che inizierà a beneficiare del turismo. Il paese collinare vedrà così diminuire il numero dei propri abitanti, a vantaggio del più recente centro costiero di Marciana Marina, che aveva già iniziato a formarsi sul finire del XVIII come naturale sbocco marittimo di Marciana Alta.

Visita il sito ufficiale del Comune di Marciana >